IL FURTO DELLA CASSAFORTE

Scena: un tavolino e 2 o 4 uomini che giocano a carte.(in basso a sin) Due signore che sferruzzano.(scalinata) Sul lato destro la cassaforte, vicino il sacrestano. Entrano i due ladri NARR.: Non molti anni fa, gli abitanti del Piazzo hanno compiuto involontariamente un’azione che ha destato parecchio scalpore aiutando due ladri a rubare la cassaforte della Chiesa di San Giacomo… Come questo sia potuto accadere è facile da spiegare. I ladri, vestiti di tutto punto da operai, si presentarono al custode dicendo di essere addetti alla riparazione, invitati dal parroco. Custode: ma come? Ma il parroco non mi ha detto niente Ladro: eppure il parroco ci ha detto che la cassaforte è rotta e ci ha dato appuntamento a quest’ora. Custode ma lui non c’è è al Piano e non mi ha nemmeno avvertito. Ecco, come al solito il parroco non mi dice mai niente, sempre la stessa storia, lui non dice niente e io non so mai niente… Ladro: Par piasì, mi può prendere due cacciaviti? (sacrestano prende cacciaviti, le due signore guardano incuriosite)) NARR. I due si misero quindi al lavoro, ma vedendo che la cassaforte era pesante chiesero aiuto ai passanti, fuori dalla Chiesa. Signora: certo che così non potete farcela, di sicuro vi serve una mano, Dò una voce a mio marito che venga ad aiutarvi. (urla al marito che gioca a carte) Alfredo dai una mano a questi signori che la cassaforte è rotta e devono portarla a riparare! (Arrivano le persone sedute al tavolino, concitazione) NARR… in breve, molti vennero a dare una mano, convinti che la cassaforte fosse rotta e avesse bisogno di essere riparata. Tutti volevano rendersi utili: chi prestava un cacciavite, chi un carretto per il trasporto o una leva per alzarla. I due ladri avevano qualche difficolt? ad uscire dalla Chiesa con la cassaforte, perché era davvero un macigno. Anche in quel caso, gli abitanti del Piazzo iniziarono a consigliare i ladri su come trasportare agevolmente la cassa: Signora: non trainate, spingete! Coro: oh issa-oh issa! (rumore collettivo di spingi tira, molla, la cassaforte viene fatta sparire e le persone tornano alle loro occupazioni precedenti) Narr… E così i malviventi si allontanarono dal borgo indisturbati. Dulcis in fundo, poco più avanti, i due riuscirono ad aprire la cassaforte, ma ci trovarono solo cinquemila lire. Delusi, abbandonarono la cassaforte lì nella strada. Il giorno dopo, i giornali titolavano in cronaca: Signora (legge il giornale, Il Biellese, con gli altri attori intorno) Sentite cosa dice il giornale:“gli abitanti del piazzo aiutano a rubare la cassaforte”! (disappunto generale)

My Agile Privacy
Teniamo alla tua privacy!
Utilizziamo pochi cookie per garantire il corretto funzionamento del sito web e anonimizziamo i tuoi dati!
Accettando ci permetti di adattare i nostri contenuti alle tue esigenze e quando fai acquisti di verificare che tu non sia un robot.
Alla voce "Personalizza” è possibile decidere volontariamente quale tipo di cookie intendi accettare.
Cliccando su "Accetto”, acconsenti all'utilizzo dei cookie in base alle impostazioni del tuo browser.
In qualsiasi momento puoi modificare la tua scelta cliccando l’opzione "Gestione del consenso” nella Politica sui cookie.
Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.