Laboratorio di Fabio Banfo su Molière

Il Tartufo di Molière, ovvero la civiltà dell’ipocrisia 28/29/30 giugno 2024

Il Tartufo di Molière è un esempio mirabile di satira sociale, di come si possa far ridere la società di se stessa, mettendone in luce debolezze,  ipocrisie, menzogne, piccole e grandi vanità e tradimenti. In un piccolo nucleo familiare vediamo realizzarsi un meccanismo di seduzione, manipolazione quasi simile ad un incantesimo. Lo stesso incantesimo di cui cadiamo preda tutti di fronte alla pubblicità, alla propaganda, alla
comunicazione in generale e ai sentimenti. Da sempre il nostro narcisismo, le nostre paure e i nostri desideri sono il nostro punto debole. Molière, grandissimo conoscitore dell’animo umano, nel Tartufo, ha reso evidenti questi meccanismi, attraverso l’arte di una commedia umana che più umana non si può. In questo laboratorio, oltre ad affrontare le principali scene del testo di Molière verranno indagati i meccanismi che nella contemporaneità agiscono su di noi come nel Tartufo, non per attualizzare l’opera, ma per comprenderne l’universalità.

Obiettivi

  • Imparare a leggere ed analizzare un testo teatrale, trasformandolo in azione verbale e scenica.
  • Sperimentare un testo teatrale individuandone i temi principali e i collegamenti con il contemporaneo.
  • Imparare la tecnica per recitare un testo comico.
  • Costruire scene teatrali a partire dall’interpretazione di un testo, attraverso la tecnica dell’improvvisazione.
  • Costruire una partitura di azione scenica, parole, movimenti, gesti, suoni che costituiscano la propria personale interpretazione del materiale drammaturgico originario.
  • Lavoro specifico su monologo e dialogo.

 

Metodologia

  • Training vocale e fisico
  • Analisi del testo
  • Improvvisazioni
  • Creazione

 

Partecipanti
Non è richiesta alcuna preparazione particolare.

 

Logistica e prezzi
Il seminario inizia il venerdì alle 21:00 e termina alle ore 18:00 della domenica.
Il costo per ciascun partecipante è di 170 euro, comprensivo di vitto e alloggio, più 20 euro di tessera associativa.
Per gli allievi che non necessitassero di vitto e alloggio, in quanto residenti in comuni limitrofi, il costo è di 140 euro, più 20 euro di tessera associativa.

Per informazioni e iscrizioni iscrizioni@storiedipiazza.it o 327 485 8731

Versamento

La quota del seminario + 20 euro di tessera associativa va versata sul conto dell’associazione Storie di Piazza

Iban IT60H0608522371000011111176 – Banca D’Asti

Causale: nome cognome + titolo del laboratorio (+ tessera) .

La ricevuta va spedita alla mail iscrizioni@storiedipiazza.it. Si consiglia di iscriversi per tempo, i posti sono limitati.

Dove

Frazione Falletti di Sagliano Micca, provincia di Biella e Lanificio Botto a Miagliano.

Per vedere le immagini della residenza visitare il sito: http://manuelatamietti.it/index.php#residenza

 

CV di Fabio Banfo
Drammaturgo, attore, regista e pedagogo. Nasce a Vercelli nel 1975, si diploma come attore alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano nel 2001. Dal 2003 è membro del Teatro dei Sensibili di Guido Ceronetti. Nel 2007 partecipa al Festival Internazionale “INT-Presenta” in Argentina, con lo spettacolo “Faust”. Parallelamente allo studio del teatro contemporaneo, approfondisce lo studio della Commedia dell’Arte con Carlo Boso a Parigi. Ha curato diversi allestimenti tra cui nell’aprile 2011 la regia del “Rigoletto” di Verdi per il Teatro Regio di Torino. Ha tenuto corsi di regia all’Accademia di Brera diMilano e diversi seminari in alcune Università di Cile e Argentina, tra il 2008 e il 2014. Nell’estate 2010 cura la regia e la drammaturgia di due allestimenti a Santiago del Cile: “Gopik” (Goldoni-Pinter-Kubrick, uno studio del realismo a teatro e al cinema) per la Universidad de Chile e “Cyrano”, prodotto dalla Universidad Finis Terrae. È autore degli spettacoli: “Quello che le donne non dicono”, rappresentato in Italia, presso il Teatro Libero di Milano e presso la Universidad de Chile e “Cantos de Hielo” e “Sonetos” andati in scena presso la Universidad de Chile. Finalista al Premio “Per Voce Sola” 2014, con il testo “Sei tu – Quello che le donne non dicono.” Nel febbraio 2014, presso il Teatro Franco Parenti di Milano, viene rappresentato il suo testo “L’Inquilino”. Nel 2015 viene presentato al festival Internazionale “Milano Playwriting Festival”, “Kobane”, testo che affronta la tematica dell’Isis e dei foreign fighters, testo successivamente segnalato con una menzione speciale della giuria al Premio Drammaturgico internazionale LGBTQ+ “Carlo Annoni” 2023. Nel 2017 lo spettacolo “Alfredino, l’Italia in fondo a un pozzo” di cui è autore e interprete vince i premi come “Miglior Spettacolo” e “Miglior Drammaturgia” al Doit Festival 2017 di Roma, e viene rappresentato in diversi teatri italiani fino al 2021, anno in cui vince il premio Fersen 2022 alla regia. Dal 2017 lavora come attore e docente per il Centro Teatrale MaMimò di Reggio Emilia. Nel 2019/20 recita nello spettacolo “La Meccanica del Cuore”, coproduzione Centro Teatrale MaMiMò e Teatro Gioco Vita di Piacenza. Nel 2020 è autore e interprete dello spettacolo “Il Bel Paese”, spettacolo sulla storia della lingua italiana nel teatro, andato in scena ad Addis Abeba, Pretoria e Durban, in coproduzione con l’Istituto di Cultura Italiana di Pretoria ed il Centro Teatrale MaMiMò. Nel 2020 recita nello spettacolo “Officine Reggiane, il Sogno di Volare” ed è autore e attore dello spettacolo “Il confine”, entrambi prodotti dal Centro Teatrale MaMimò. Nel 2021 scrive e dirige “Stelle Nere”, per il Centro Teatrale MaMimò di Reggio Emilia, spettacolo vincitore della menzione Miglior Drammaturgia al
Doit Festival 2022 di Roma. Nel novembre 2022 debutta “Patria – Il paese di Caino e Abele” monologo di cui è autore ed interprete che attraversa gli anni di piombo in Italia attraverso gli occhi di un disabile alla ricerca del fratello perduto, spettacolo in coproduzione con Centro Teatrale MaMiMò e compagnia Eco di Fondo. Nel 2024 vince il premio “Mario Fratti Award” a New York, con il testo “El Desaparecido”.

My Agile Privacy
Teniamo alla tua privacy!
Utilizziamo pochi cookie per garantire il corretto funzionamento del sito web e anonimizziamo i tuoi dati!
Accettando ci permetti di adattare i nostri contenuti alle tue esigenze e quando fai acquisti di verificare che tu non sia un robot.
Alla voce "Personalizza” è possibile decidere volontariamente quale tipo di cookie intendi accettare.
Cliccando su "Accetto”, acconsenti all'utilizzo dei cookie in base alle impostazioni del tuo browser.
In qualsiasi momento puoi modificare la tua scelta cliccando l’opzione "Gestione del consenso” nella Politica sui cookie.
Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.