DANTE AL PIAZZO

Nel mezzo del camin di mia vita Mi ritrovai in una strada oscura Rivolta al Piazzo, ai piè della salita. Ahi quanto a dir qual era è cosa dura Quella ripida Costa e scabra e forte Che nel pensier mi mette ancor paura Tanto era brutta che poco è più morte: ma per trattar del male ch’io vi trovai dirò dell’altre cose ch’io v’ho scorte Io non so ben ridire com’io v’entrai, tanto era pien di fretta in su quel punto che a salire verso il Piazzo incominciai. Ma poi ch’io fui a mezza costa giunto e non finiva ancor l’erta scoscesa che gi? m’aveva tutto quanto smunto, guardai in alto e con mia gran sorpresa vidi al pian scender lento un carrozzone e un altro incontro vincer l’ascesa. Allor più volte mi chiamai minchione, invan m’accorsi d’averla sbagliata e di lagnarmi non avevo ragione!

My Agile Privacy
Teniamo alla tua privacy!
Utilizziamo pochi cookie per garantire il corretto funzionamento del sito web e anonimizziamo i tuoi dati!
Accettando ci permetti di adattare i nostri contenuti alle tue esigenze e quando fai acquisti di verificare che tu non sia un robot.
Alla voce "Personalizza” è possibile decidere volontariamente quale tipo di cookie intendi accettare.
Cliccando su "Accetto”, acconsenti all'utilizzo dei cookie in base alle impostazioni del tuo browser.
In qualsiasi momento puoi modificare la tua scelta cliccando l’opzione "Gestione del consenso” nella Politica sui cookie.
Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.