AVERE UNA VALLE

AVERE UNA VALLE – DI GIUSEPPINA SIMONETTI
Era autunno. Salivamo verso il Dèir Caval nel vento che spettinava faggi e castagni e staccava le nubi impigliate sulla vetta del Mombarone.
Il cugino portava un aquilone di grossa tela blu – dono di un amico finlandese – che voleva liberare da un’altura. La moglie, cittadina, arrancava in silenzio. Fermi sul pianoro, l’aquilone partì imbizzarrito e pencolante come un torello al suo primo pascolo. C’era in quel “far volare” l’aquilone finlandese sulla montagna di casa un richiamo simbolico che supponevo, e lui si guardava dall’esprimere. Lei, il vestito leggero gonfio di vento, osservava le nubi osservare il cielo della pianura sopra i paesi e le citta’ , nel grande bacino variegato e orlato di colli. All’improvviso disse: “io abito in una grande citta’ , ma dev’essere splendido avere una valle, e viverci”. Avere una valle è essere posseduti fin dall’infanzia da suoni, odori, colori e forme, dalla sua natura intima e segreta che mettera’ le sue radici formandoti alla tua stessa insaputa: ed attraverso quel filtro valuterai man mano tutto il resto.

My Agile Privacy
Teniamo alla tua privacy!
Utilizziamo pochi cookie per garantire il corretto funzionamento del sito web e anonimizziamo i tuoi dati!
Accettando ci permetti di adattare i nostri contenuti alle tue esigenze e quando fai acquisti di verificare che tu non sia un robot.
Alla voce "Personalizza” è possibile decidere volontariamente quale tipo di cookie intendi accettare.
Cliccando su "Accetto”, acconsenti all'utilizzo dei cookie in base alle impostazioni del tuo browser.
In qualsiasi momento puoi modificare la tua scelta cliccando l’opzione "Gestione del consenso” nella Politica sui cookie.
Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.